Insalata di salmone affumicato con chicchi rossi

Salmone affumicatoOk, è talmente tanto tempo che non scrivo e ho cucinato talmente tante cose nel frattempo che non so nemmeno da dove cominciare!
Prima di tutto.. Buone feste! Il primo round di mangiate colossali è finito, manca poco per il secondo, quindi resistete, godetevi il cibo e aspettate il 2015 per i buoni propositi.

Per rimanere in clima festivo, vi propongo una ricetta perfetta per questo periodo, colorata, divertente, ma soprattutto.. leggera!
L’ho proposta come antipasto per il pranzo di Natale (che quest’anno era a carico mio.. ansia!) e ha riscosso successo, anche perchè la sua ultima fase di preparazione è molto scenografica, con fiamme e fumi profumati.
Altro vantaggio di questa ricetta è la velocità: basta pianificare in anticipo l’unica cosa che richiede molto tempo (la marinatura del salmone) e il resto del piatto sarò pronto in pochi, pochissimi minuti, l’ideale per i giorni di festa più concitati.
L’unico attrezzo extra che vi serve è il cannello per fare la creme brulée o qualcosa di simile, che ormai è facilissimo reperire.
A questo punto non mi resta che raccontarvi di questa “insalata” con salmone affumicato.. Buon anno!

Ingredienti (per 4 persone)
500g di salmone fresco
2 pompelmi rosa
1 melograno
1 avocado
1 rametto di aneto
un mazzetto di erbe aromatiche (io ho usato timo e rosmarino)
600g di sale grosso
300g di zucchero
olio evo
olio di semi di sesamo
sale e pepe
4 rametti asciutti di legno, tipo faggio (poi capirete a cosa servono e con cosa eventualmente sostituirli)

Pulite il vostro trancio di salmone da pelle e lische, tagliatelo in pezzi più piccoli e mettetelo a marinare in una busta per surgelati (o una teglia, come siete più comodi) in un mix di sale grosso e zucchero. Le dosi che ho segnato sopra sono indicative, l’importante è che la marinatura copra completamente i pezzi di salmone e che per ogni parte di zucchero ce ne siano due di sale grosso (se per esempio, vi bastassero 200g di zucchero, ne dovreste usare 400 di sale). Riponete tutto in frigorifero e lasciate riposare almeno 10 ore.
Una volta trascorse le 10 ore, togliete il salmone dal frigorifero, mettetelo in una teglia con un po’ d’olio d’oliva e mettetelo in forno a 30° per un quarto d’ora, girandolo un paio di volte.
salmoneNel frattempo, pelate i pompelmi e divideteli a spicchi, sbucciate e tagliate a cubetti l’avocado e pulite il melograno (il metodo definitivo, secondo me, è tagliarlo a metà e picchiettare la buccia con un cucchiaio di legno per liberare i semi).
Mischiate la frutta in una ciotola capiente e condite il tutto son sale, pepe, olio di semi di sesamo e aneto tritato.
Ora viene il bello. Togliete il salmone dal forno, prendete i vostri pezzetti di legno, appoggiateci sopra qualche rametto di erbe aromatiche e uno o due pezzi di pesce. A questo punto prendete il cannello da creme brulée e date fuoco alle erbe, che bruciando aromatizzeranno e “affumicheranno” il salmone.
L’effetto è a dir poco scenografico, provare per credere!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...